Recensione: Magic - V.E. Schwab

Buonasera, lettori!

Oggi vi porto la recensione di Magic di V.E. Schwab, che era nella mia TBR di ottobre e che ho finito di leggere giusto qualche oretta fa! Il libro è parte di una trilogia già completa in America e che la Newton Compton sta (finalmente!) portando anche da noi. Ma vediamo un po' la scheda del libro:



Titolo: Magic
Autore: V.E. Schwab
Editore: Newton Compton editori
Anno: 2017

Pagine: 412

Cartaceo: 10€
eBook: 0,99€

Rating: ★★★1/2

Trama: Kell è uno degli ultimi maghi della specie degli Antari ed è capace di viaggiare tra universi paralleli e diverse versioni della stessa città: Londra. Ci sono la Rossa, la Bianca, la Grigia e la Nera, nelle quali accadono cose diverse in epoche differenti. Kell è cresciuto ad Arnes, nella Londra Rossa, e ufficialmente è un ambasciatore al servizio dell’Impero Maresh, in viaggio alla corte di Giorgio III nella Londra Grigia, la più noiosa delle versioni di Londra, quella priva di magia. Ma Kell in verità è un fuorilegge: aiuta illegalmente le persone a vedere piccoli scorci di realtà ai quali, solo con le proprie forze, non avrebbero mai accesso. Si tratta di un hobby molto rischioso, però, e Kell comincia a rendersene conto. Dopo un’operazione di trasporto illegale andata storta, Kell fugge nella Londra Grigia e si imbatte in Delilah, una strana ragazza che prima lo deruba, poi lo salva da un nemico mortale, e infine lo convince a seguirla in una nuova avventura. Ma la magia è un gioco pericoloso e se vuoi continuare a giocare prima di tutto devi imparare a sopravvivere…



Ambientato tra quattro mondi speculari ma al tempo stesso differenti tra di loro, Magic segue le vicende di Kell, un mago della specie degli Antari, e Lila, una ladra che sogna di diventare un pirata e perdersi in mille avventure. Nei primi capitoli si alternano i punti di vista dei due protagonisti, che non solo conducono due vite completamente diverse l'una dall'altra ma provengono addirittura da due mondi differenti. In questo romanzo ci sono infatti quattro Londra, distinte tra di loro in base al grado di magia che vi sopravvive ed irraggiungibili ai più: gli unici in grado di passare da una Londra all'altra sono, infatti, gli Antari. Grazie ad una magia di sangue, sono in grado di aprire le porte che separano i diversi mondi, sigillate secoli prima.

In questi primi capitoli introduttivi andiamo a conoscere i differenti mondi, il background e parte della backstory dei protagonisti. La narrazione rimane alternata finchè il cammino di Kell non si incrocia e si lega con quello di Lila. I due vengono trascinati, a discapito di Kell e per la felicità di lei, in un'avventura pericolosa, che li vedrà braccati e li porterà a scappare da una Londra all'altra, lasciando una scia di sangue dietro di loro. 

Magic è un romanzo coinvolgente ed il mondo creato dall'autrice è senza dubbio originale e, soprattutto, un mondo in cui ci si immerge volentieri. La narrazione è molto fluida ed è una lettura che scorre veloce, grazie anche ai colpi di scena che fanno sì che il lettore fatichi a mettere giù questo libro. Mi è piaciuto molto come la Schwab ha caratterizzato i personaggi e ho apprezzato che non abbia forzato una storia d'amore tra i due: Lila è una ragazza indipendente dall'inizio alla fine e ci sarei rimasta molto male se, nel primo libro della trilogia, avesse rinunciato a tutto per stare con Kell. Mi sono piaciuti molto anche i personaggi secondari, specialmente il principe Rhy, che spero di ritrovare nei libri successivi.

In sostanza, Magic è una lettura piacevole e coinvolgente, ma alla quale ho dato solo tre stelline e mezzo. Perchè? Onestamente non mi è piaciuto molto il finale: mi dà l'idea che sia stato lasciato volutamente ambiguo per osservare il successo (o meno) del primo libro e poi decidere sia il caso o meno di proseguire con la stesura della trilogia. È un finale che può essere interpretato come aperto (ed effettivamente ci sono diverse domande lasciate senza risposta) che chiuso, dato che la vicenda narrata è (o almeno sembra) del tutto conclusa. Insomma, è un piccolo dettaglio che però mi ha lasciato con l'amaro in bocca.

Tre stelline e mezzo per un romanzo che ultimamente sta spopolando tra i bookblogger! Nonostante tutto, sono curiosa di vedere come proseguirà la storia e, se non l'avete già fatto, vi consiglio di leggere questo romanzo, se non altro per le ambientazioni!



Vi ho incuriosito? Se invece avete già letto questo romanzo, cosa ne pensate? Fatemi sapere in un commento! Vi lascio anche le copertine delle altre edizioni di Magic, che sono veramente meravigliose!


A me piace molto la seconda! Qual è la vostra preferita? Mi raccomando, fatemi sapere!
A presto,

Giulia

2 commenti:

  1. Ciao! Magic mi ispira un sacco, e la tua recensione fa salire la mia curiosità alle stelle soprattutto per via di Lila, che mi sembra un personaggio molto forte da come ne hai parlato.
    P.S. Anche a me piace molto la seconda cover, però c'è da dire che anche le altre non sono male, a parte la prima che non mi convince moltissimo :)

    RispondiElimina
  2. Ciao! Bella recensione! Anche secondo me la seconda cover è la più bella ;)

    RispondiElimina