Ti segnalo un libro | Da una storia vera - Delphine De Vigan

Buon pomeriggio, lettori!

Come sta andando la vostra settimana? Niente di nuovo sul fronte occidentale? (ma quanto sono spiritosa. eh?!)

Prima di tutto vorrei ringraziare chi si è fermato a leggere il mio post dell'altro ieri e chi l'ha condiviso, spero possa essere stato utile a qualcuno.

Oggi vi segnalo un libro che uscirà a fine mese e che mi incuriosisce molto! Si tratta di Da una storia vera, di Delphine De Vigan. Di questa autrice ho già letto Gli effetti secondari dei sogni, che mi era piaciuto abbastanza e spero che questo libro sia all'altezza delle aspettative. Ammetto di non leggere molti romanzi francesi, quindi voglio cogliere l'occasione dell'uscita del nuovo romanzo di quest'autrice per riavvicinarmi un po' alla letteratura d'oltralpe. E poi ieri sera ho visto un film francese del '93 e mi ha fatto ridere da morire, quindi sono ben disposta.


Titolo: Da una storia vera
Autore: Delphine De Vigan
Editore: Mondadori

Data di uscita: 30 Agosto 2016

Cartaceo: 19€
eBook: 9,99€



Trama: Dopo il successo del suo ultimo romanzo Delphine si è trovata ad attraversare una crisi creativa, l’incubo di ogni romanziere: il blocco dello scrittore. È in questo momento delicato che L. entra nella vita di Delphine. Un incontro casuale, una nuova conoscenza con cui si scopre un’intimità naturale, un’amicizia che si trasforma rapidamente in una presenza stabile e confortevole nella vita di tutti i giorni. L. incarna l’ideale di donna bella, sofisticata e sicura di sé che Delphine, con i suoi capelli disordinati e i modi nervosi, un certo imbarazzo mai superato dall’adolescenza, non ha mai saputo essere. L. è un’amica come se ne hanno solo a diciassette anni: sempre disponibile, generosa e simpatica, una presenza complice comparsa dal nulla e diventata subito imprescindibile. L. la assiste, la sostiene, inizia a interessarsi sempre più da vicino al problema della scrittura che assilla l’amica e ha una visione incredibilmente lucida. “Ricordo di aver avuto un’intuizione” scrive Delphine. “Qualcosa in L., qualcosa di nascosto, di appena percettibile, mi diceva che era una sopravvissuta, che aveva alle spalle un passato torbido e misterioso, che aveva messo in atto una straordinaria metamorfosi.” Una sopravvissuta come tutti gli scrittori, o le persone pericolose.


Delphine de Vigan (Boulogne-Billancourt, 1966) è l’autrice del romanzo Gli effetti secondari dei sogni, Prix des Libraires in Francia nel 2008 e bestseller da più di mezzo milione di copie, tradotto in oltre venti lingue. Un successo ripetuto da Niente si oppone alla notte, che ha conquistato nuovamente in un solo colpo il cuore dei lettori e la critica francese vincendo numerosi premi. Nel 2010 ha pubblicato Le ore sotterranee. Da una storia vera è il suo ultimo romanzo, che ha vinto il premio Renaudot e il premio Goncourt dei licei ed è diventato un bestseller. In Italia i suoi libri sono tutti pubblicati da Mondadori.


Cosa ne pensate? Vi incuriosisce?
Fatemi sapere le vostre opinioni in un commento!

2 commenti:

  1. Aspetterò la tua recensione prima di decidere ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho inserito nella TBR di settembre, spero di iniziarlo presto!

      Elimina