Recensione: Ululare alla luna - Eli Easton | Serious? Series! #01

Buongiorno lettori!

Come procede la vostra settimana? Tra le mille cose che ho da fare, mi sono ritagliata due orette per pensare ad un titolo decente per una nuova rubrica. Come vedete, ho fallito miseramente anche questa volta #mainagioia.

Con questa nuova rubrica, Serious? Series! (che fantasia, eh?), a cadenza casuale, voglio presentarvi delle serie che sto leggendo, concluse e non.

Oggi voglio parlarvi di una serie romance M/M che ho appena concluso: Ululare alla luna, di Eli Easton. È una serie di (attualmente) tre libri, leggibili anche separatamente ma in cui si intrecciano personaggi e vicende. In Italia abbiamo i primi due volumi, Come ululare alla luna e Come camminare da solo, editi da Triskell Edizioni.

Protagonista di questa serie è la cittadina di Mad Creek, California, e i suoi abitanti: sono i "mutevoli", dei cani che sono in grado di diventare umani. C'è chi è mutevole da generazioni, come lo sceriffo Lance Beaufort e chi ha acquisito questo dono da poco, come il pastore tedesco Roman Charsguard. Non c'è una spiegazione scientifica dietro la mutazione: l'unica cosa certa è che può accadere quando un cane ama ciecamente il suo padrone e viene ricambiato.

Ma Mad Creek non è composta solo da mutevoli: ci sono anche umani, come il giardiniere Tim Weston e come i turisti che di tanto in tanto capitano in città. Compito dello sceriffo sarà allora quello di fare in modo che nessuno scopra l'esistenza dei mutevoli, mettendo a rischio la vita di tutti.




Titolo: Come ululare alla luna
Autore: Eli Easton
Editore: Triskell Edizioni
Anno: 2015

Rating: ★★★

Lo sceriffo Lance Beaufort non permetterà che arrivino dei guai nella sua città, nossignore. Rintanata nelle montagne della California, Mad Creek ha dei segreti da mantenere, come il fatto che metà della sua popolazione sia composta da “mutevoli”, cani che hanno acquisito la capacità di diventare umani. Discendente dai Border Collie sia da parte di madre che di padre, non esiste un protettore migliore di lui.
Tim Weston è alla ricerca di un rifugio. Dopo aver scoperto che il suo capo ha brevettato a proprio nome tutto il lavoro che lui aveva svolto sugli ibridi vegetali, Tim decide di lasciare il suo vecchio lavoro. Una cliente gli propone di usare il suo chalet a Mad Creek, e Tim ci vede l’occasione per un nuovo inizio. Ma il timido giardiniere ha la tendenza a impappinarsi con gli sconosciuti e a sembrare un bugiardo.
Di sicuro il giovane straniero allampanato fa saltare i nervi a Lance. È preoccupato per i coltivatori di marijuana che si stanno trasferendo a Mad Creek, e non è soddisfatto della storia che gli racconta il giovane. Lance decide che c’è bisogno di un po’ di lavoro sotto copertura.
Quando Tim investe con la sua auto un bellissimo collie dal pelo nero e lo adotta, è amore a prima vista sia per Tim che per il cane interiore di Lance. Fingere di essere un animale domestico metterà in grossi guai lo sceriffo Beaufort.



Come ululare alla luna (nell'edizione inglese, How to howl at the Moon) aveva tante buone premesse, cioè tre: shapeshifters, uomini in divisa e fiori. E per alcuni versi è stato all'altezza delle aspettative, per altri un po' meno.

La trama è quella tipica del romance: ci si incontra, ci si innamora, si tocca inevitabilmente il fondo e si arranca nel risalire. L'happy ending è un must have, e devo dire che non mi dispiace.
La storia è costruita bene ed ero davvero curiosa di vedere come sarebbe andata a finire tutta la farsa dello sceriffo, tanto che ho divorato questo libro nel giro di una giornata.

I personaggi sono a tutto tondo, anche se poco definiti. Il carattere degli abitanti di Mad Creek si andrà delineando meglio negli altri volumi, ma in questo primo libro forse alcuni peccano un po' di superficialità. In questo primo libro impariamo a conoscere Lance, lo sceriffo di Mad Creek e Border Collie di quarta generazione, sua madre Lily,la tipica comare di paese, e l'impacciato giardiniere Tim. Incontriamo anche tanti personaggi che caratterizzano questa strana cittadina e altri che ritroveremo nei volumi seguenti.

Mi è piaciuto molto come l'autrice sia riuscita a rendere umani i tratti tipici delle varie razze dei cani e come sia riuscita a rendere canini alcuni comportamenti umani. È tenero vedere lo sceriffo in divisa che si gratta un'orecchio, il suo vice che inclina la testa con fare incerto. È proprio qui che casca l'asino, però, e in alcuni punti ha forse esagerato questo tratto, rendendo quasi comiche delle scene che, di comico, non avrebbero dovuto avere nulla.

Lo stile dell'autrice è semplice e scorrevole, sia nell'originale inglese che nella traduzione italiana. È una storia che trasmette tanto affetto e senso di protezione ed è tutto sommato una lettura piacevole e veloce.

Particolarità del primo libro è la distanza che c'è tra Lance e il suo cane interiore. Confinato in secondo piano per lungo tempo (prima viene il branco, prima viene Mad Creek), Lance si troverà a fare i conti con una parte di se stesso che irrompe fuori nel momento in cui impara a conoscere Tim. È qui che l'autrice ha osato un po' troppo, secondo me, sfiorando la trashata harmony in vari punti. È riuscita a gestire meglio la cosa nei volumi seguenti, quindi forse si impara veramente dai propri errori!

Spero imparino dai loro errori anche i grafici della Triskell Edizioni, perchè la copertina italiana si merita forse un 2. Sembra fatta da me alle prese con un decrepito Photoshop CS2, dai! Sono molto carine invece le copertine originali, impostate in modo simile in tutti i volumi, e mi ricordano vagamente la locandina di un qualche film con Anne Hathaway.



Titolo: Come camminare da solo
Autore: Eli Easton
Editore: Triskell Edizioni
Anno: 2016

Rating: ★★★

Il vice sceriffo Roman Charsguard è sopravvissuto all’Afghanistan, dove ha perso il suo migliore amico e partner umano James. Roman era un cane dell’esercito e, quando due anni prima ha sviluppato la capacità di mutare in un essere umano, non è stato facile per lui imparare a comportarsi come tale. A Mad Creek, rifugio segreto per i cani mutevoli, ha trovato un posto dove vivere. Ma trovare anche una ragione per farlo è stato più difficile. Fino a quando un certo umano è entrato nell’ufficio dello sceriffo di Mad Creek e ha cominciato a creare problemi. 
 A Matt Barclay capitano tutte le sfortune di questo mondo. Per prima cosa è stato colpito da un proiettile durante una retata della SWAT, poi è stato inviato come investigatore della DEA a Mad Creek, un piccolo paese tra le montagne della California. Il compito di Matt doveva essere quello di tenere gli occhi aperti e scoprire coltivazioni illegali di droghe, ma nessuno lo vuole lì in città. E poi c’è Roman, il baby sitter di Matt. E l’uomo più sexy che Matt abbia mai visto, anche se un po’ strano. Se il lavoro non ucciderà Matt, lo farà di certo la frustrazione sessuale. 
 La città conta su Roman per evitare che Matt scopra i mutevoli, Matt conta su Roman in quanto suo collega e spera che gli riveli la verità, il tutto mentre Roman sta cercando di esplorare l’amore, il sesso e un sacco di caotiche emozioni umane. Chi l’avrebbe mai detto che fosse così complicato camminare come un uomo?




Se nel primo libro avevamo un uomo che doveva accettare la sua parte animale, nel secondo volume della serie abbiamo un cane alle prese con la sua umanità.

Protagonista di Come camminare da solo (nell'edizione originale How to walk like a Man), secondo volume della serie, è Roman Charsguard, pastore tedesco reduce dall'Afghanistan, mutevole da soli due anni.

Roman è stato per tutta la sua vita un cane, fin quando si ritrova improvvisamente nudo, su due gambe e in grado di parlare. Nonostante siano già passati due anni da quel momento, ci sono molte cose che lo lasciano ancora basito e quando Lance gli chiede di tenere d'occhio Matt Barclay, di ruolo a Mad Creek per l'Agenzia Federale Antidroga, gli ci vorrà tutto se stesso per non lasciarsi andare a atteggiamenti che possano dare via la sua natura canina.

Ho deciso di continuare questa serie solo dopo aver visto che il protagonista del secondo libro sarebbe stato Roman e non sono rimasta delusa. Mi aveva colpito molto il rapporto tra Roman e James nel primo libro e mi ero affezionata a questo grande pastore tedesco, solo al mondo e senza una ragione per andare avanti. E leggendo Come camminare da solo, ripercorrendo la storia di Roman e James, mi sono resa conto ancora una volta di quanto possa essere profondo l'affetto tra un uomo e il suo amico a quattro zampe.

Mi è piaciuto molto più rispetto a Come ululare alla luna e la storia è gestita in modo migliore rispetto al primo volume. La vicenda di Roman e Matt si alterna con il vissuto canino di Roman, dal canile all'Afghanistan e poi di nuovo in patria, sempre con James nel cuore.

Anche i personaggi hanno una profondità differente dal Come ululare alla luna: Roman e Matt sono personaggi molto complessi e con molte sfaccettature. È bello vedere il cammino verso l'umanità di Roman e vederlo alle prese con le sue "prime volte": la prima pedalata in bici, la prima risata, le prime farfalle nello stomaco. In alcuni punti, la risata è garantita! Compaiono poi nuovamente Lance e Tim insieme al resto del branco di Mad Creek e veniamo presentati con un lato inaspettato di Lance che mi ha fatto troppo ridere!

Terzo volume della serie, uscito negli Stati Uniti nel maggio di quest'anno, è How to wish upon a star,che ha come protagonista il cane più dolce del mondo. Si vede già dalla copertina: guardate che bel musetto che ha!

Milo è un mutevole di prima generazione, uno spinone che ha vissuto in un ospizio, portando conforto ai malati, fin quando Lily non l'ha trovato e portato con sè a Mad Creek. Lì viene preso in casa da Jason, un genetista tornato da poco in città per studiare il DNA dei mutevoli e, possibilmente, trovare un modo per zittire il suo cane interiore. La convivenza prosegue tra alti e bassi fin quando una strana malattia si abbatte sui mutevoli di Mad Creek e Jason si renderà conto che l'unica cosa che desidera è l'incolumità di Milo. Con Lance malato e i mutevoli in quarantena, toccherà a Jason e Milo, insieme agli umani Matt e Tim, cercare una cura e salvare la città.

Mentre leggevo questo terzo libro pensavo a che giudizio avrei dato nella recensione, e devo dire che ho cambiato idea varie volte in corso d'opera. Ero un po' scettica all'inizio ma poi mi sono affezionata così tanto a Milo che la lettura è stata molto più piacevole. A differenza di come ha fatto con Roman, qui l'autrice non si sofferma sulla crescita umana di Milo, che dà forse un po' per scontata. Va invece a sottolineare spesso la sua intelligenza e sensibilità, maturata durante i suoi anni prima al canile e poi all'ospizio. Fa spezzare il cuore la sua continua insicurezza, la paura costante di essere di nuovo abbandonato: quando ho finito di leggerlo volevo solo andare al canile e adottare tutti i cani presenti. (Per la cronaca, mio padre ha detto che non posso.) Jason e Milo hanno in comune questo: nessuno dei due sente di appartenere in nessun luogo. Jason sarà pure un mutevole di seconda generazione, ma sente di non appartenere a Mad Creek, nè tra gli umani. È per questo che sta studiando la mutazione: spera che capendo cosa la scateni, possa anche trovare un modo per annullarla, riuscendo così a diventare totalmente umano.
Come vi sembra questa serie? Per me sono quattro stelline, una per l'impegno e per il fatto che sia la scrittura che la gestione della storia è andata migliorando.
Credo ci sarà un quarto libro (spero in un sequel con Rav protagonista) ma non c'è scritto ancora nulla sulla pagina Coming Soon sul sito dell'autrice (che potete trovare qui).

Alla prossima!

4 commenti:

  1. Questa tua nuova rubrica mi piace molto :) E la serie sembra interessante :) Ho da poco letto un libro di questa autrice e mi è piaciuto, certo non è un capolavoro, ma è una di quelle letture leggere e scorrevoli che ogni tanto ci vogliono proprio, quindi inizio col segnarmi la serie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie :) Sì, sono letture leggere e piacevoli, proprio adatte all'estate!

      Elimina
  2. Molto interessante queste serie. Per ora ho messo il primo libro tra i libri da scegliere per leggere vedere qua: http://robbyroby.blogspot.it/2016/07/libri-da-leggere-7.html

    RispondiElimina
  3. Vaporfi is the most recommended electronic cigarettes provider.

    RispondiElimina