Coming Soon di Aprile

Buonasera lettori! Come state? Io ho ancora i postumi dell’ultima puntata di Shadowhunters (MALEC!!!!!) e non sono mentalmente pronta al finale di stagione di oggi. Come se non bastasse sono sul piede di guerra con l’università, perché ho un esame che deve essere verbalizzato da dicembre e un bando in scadenza venerdì per cui quei 6 CFU in più mi farebbero molto comodo. E per di più, la segreteria a cui devo consegnare il tutto è chiusa il venerdì. Ah, l’efficienza delle università italiane.

Per riprendermi un attimo e darmi anche una parvenza di normalità (anche perché sennò finirei per andare in segreteria e farmi esplodere) ho pensato di presentarvi i cinque libri che hanno attirato di più la mia attenzione tra quelli in uscita ad aprile.


Quali sono le uscite di aprile imperdibili per voi? Fatemi sapere!

1. Il bambino nella neve, di Wlodek Goldkorn. In uscita il 28 aprile per la Feltrinelli. Sembra un libro molto potente e non vedo l'ora di poterlo leggere. Un viaggio della memoria che tutti dovrebbero fare.

Cos'è la memoria? Cos'è il passato? Cosa resta delle vite e delle morti di chi abbiamo amato, di chi ci ha dato la vita? Riflessioni universali, che diventano lancinanti quando si applicano al passato di un ebreo polacco e comunista, cresciuto nel dopoguerra in una patria che l'ha poi rinnegato. Wlodek Goldkorn è da molti anni una voce conosciuta della cultura italiana, ha intervistato grandi artisti, e premi Nobel e raccontato molte storie, ma mai la sua personale. Quella di un bambino nato da due genitori scampati agli orrori della Seconda guerra mondiale, che abitava in una casa abbandonata con tale fretta dai tedeschi in fuga da essere ancora piena di piatti e mobili provvisti di svastica, che crebbe nel vuoto di una memoria famigliare impossibile da raccontare, impossibile da dimenticare, impossibile da vivere. “Poi, capita che nascano i nipotini. E arriva il momento in cui ci si pone la domanda: come dire loro l’incidibile? Come trasmettere la memoria? Ma poi, cosa è Auschwitz? Cosa ne rimane? E cosa deve rimanere? Per me, prima di tutto Auschwitz è un cimitero. Il mio cimitero di famiglia.” Ecco allora un viaggio di ritorno: a Cracovia, a Varsavia, ad Auschwitz, a Sobibór, a Treblinka. E un viaggio nella memoria, da ricostruire, da inventare, da proiettare nel futuro: i genitori, gli amici, gli eroi e le vittime, il ragazzino che gioca con i compagni nel cortile fingendo di essere ad Auschwitz, il giovane che presta servizio militare nell’esercito israeliano e si rifiuta di tormentare un bambino palestinese, l’uomo che sceglie Marek Edelman come maestro, il nonno che deve raccontare ai nipoti la storia, la loro storia.



2. Red Rising, di Pierce Brown. In uscita il 5 aprile per la Mondadori. Ammetto di aver già l’ebook in lingua originale, perchè mi ispirava moltissimo, ma tra una cosa e l'altra, ancora non l’ho letto. Quindi chissà, magari è la volta buona che torno alla mia lingua madre?


La Terra sta morendo. Darrow è un red, un minatore all'interno di Marte. La sua missione è quella di estrarre un numero sufficiente di elementi preziosi affinchè un giorno si possa domare la superficie del pianeta e permettere agli esseri umani di vivere su di esso. I Reds sono l'ultima speranza dell'umanità.
O almeno così sembra, fino al giorno in cui Darrow scopre che è tutta una bugia. Che Marte è stato abitabile - e abitato - da generazioni, da una classe di persone che si fanno chiamare gli ori. Una classe di persone che vedono Darrow e i suoi compagni come degli schiavi da sfruttare e far lavorare fino alla morte senza pensarci due volte.
Fino al giorno in cui Darrow, con l'aiuto di un misterioso gruppo di ribelli, si traveste da oro e si infiltra alla loro scuola di comando, intento a smontare i suoi oppressori dall'interno. Ma la scuola comando è un campo di battaglia - e Darrow non è l'unico studente con un ordine del giorno. 










3. C’era una volta una donna che cercò di uccidere la figlia della vicina, di Ljudmila Petrushevskaja. In uscita il 16 aprile per Einaudi. La promessa di un Poe russo mi alletta molto e poi di questo libro mi piace molto anche la copertina, che non è cosa da poco, visto che quelle italiane in genere lasciano molto a desiderare!

Tra crudo realismo e senso del fantastico una raccolta di storie che reinventa la tradizione di Gogol' e Poe e racconta la Russia contemporanea come se fosse un atroce, fiabesco scherzo del destino. 
Una città messa in ginocchio da una violenta epidemia; un colonnello visitato in sogno dalla moglie defunta che gli intima di non sollevarle il velo dal viso; una donna pedinata da un tale che sostiene di essere suo marito. Apparizioni, interventi sovrannaturali, incubi e scherzi del destino. Dai Canti degli slavi orientali, leAllegorie, i Requiem e le Fiabe prorompe una galleria di personaggi sulfurei e vibranti. Tratteggiati col piglio inimitabile dell'enfant terrible della letteratura russa.













4. Dreamers often Lie, di Jacqueline West. Questa è un'uscita americana che forse saremo abbastanza fortunati da vedere, in un futuro prossimo, anche in Italia. La trama mi ispira molto, soprattutto perchè adoro Shakespeare e Sogno di una notte di mezz'estate, che ho visto in una marea di adattamenti e non mi stanca mai.

Jaye si risveglia dopo un incidente con una frattura cranica e allucinazioni fin troppo reali. Determinata a tornare a scuola e a riprendere a recitare nella produzione scolastica di Sogno di Una Notte di Mezz'Estate, Jaye mente a sua sorella, a sua madre e ai suoi dottori: lei sta bene. Ma le sue allucinazioni, Shakespeare e i suoi personaggi, l'hanno seguita dalla sua stanza d'ospedale fino ai corridoi della sua scuola. È proprio quando Jaye è certa di aver convinto tutti di essere guarita che appare Romeo. Il problema è che stavolta è reale al 100% e Jaye si ritrova improvvisamente a dover scegliere tra mentire a tutti o mentire a se stessa.














5. La vita a rovescio, di Simona Baldelli. In uscita il 13 aprile per la Giunti. Ammetto di non seguire molto le uscite italiane, perchè sono pochi gli autori che mi piacciono veramente, ma ho grandi aspettative per questo libro! Sembra molto interessante!

ROMA, anno 1735. Né ricca, né bella, il volto sfigurato dal vaiolo, Caterina Vizzani ha quattordici anni ed è convinta di essere nata a rovescio: ama lavorare nella falegnameria del padre, detesta il cucito e le altre occupazioni femminili, e il pensiero di sposarsi la terrorizza. Ma proprio a scuola di ricamo incontra Margherita, la figlia di un avvocato molto vicino al Papa, che la conquista leggendole le meravigliose avventure di Bradamante, la donna cavaliere dell’Orlando innamorato. Caterina non ha più dubbi: lei ama le donne, e soprattutto ama Margherita, di un amore grande e insaziabile che le fa sperimentare per la prima volta i piaceri inebrianti del sesso. Ma quando la madre di Margherita le coglie in flagrante, la vita di Caterina subisce una brusca svolta: con una denuncia per sodomia e stregoneria che le pende sulla testa, è costretta a fuggire e a nascondersi. Ah, pensa Caterina, se solo fossi un uomo. Perché se fosse un uomo sarebbe tutto diverso, potrebbe continuare a sedurre le femmine alla luce del sole e provare a ribaltare la propria vita… Ed è così che, grazie al lungimirante suggerimento di una prostituta, Caterina decide di vestire panni maschili e trasformarsi in Giovanni Bordoni. Come per magia le porte della società si spalancano e davanti a Caterina si dispiega una strada lastricata di occasioni e piacere…







Nessun commento:

Posta un commento